Proseguono le attività della Rete Fiocchi in Ospedale, iniziate con un lavoro sul maltrattamento, un impegno di interlocuzione istituzionale per il coordinamento delle banche dati sulla scelta del pediatra e il contatto con quattro progetti in adesione alla Rete. Il Seminario Nazionale del 27 giugno a Roma ha rappresentato un momento di verifica di un anno di costruzione e avvio della Rete, strumento per un’azione coordinata in cui dialogano i progetti di Save the Children, le istituzioni locali, nazionali ed europee e gli esponenti di progettualità affini a quella di Fiocchi in Ospedale. Obiettivo comune è migliorare il percorso nascita, anticipare l’intervento di sostegno alle fragilità socioeconomiche e familiari, stabilizzare pratiche positive e divulgare esperienze di successo.

Le prossime tappe del lavoro della Rete Fiocchi in Ospedale, ispirate dai 5 Mai più senza, prevedono:

  • seminari di approfondimento territoriali con esperti e istituzioni sul tema del maltrattamento intrafamiliare e del linguaggio interculturale di gravidanza e parto;
  • ampliamento del sito online della Rete Fiocchi in Ospedale e consolidamento della mailing list di supporto alle attività della Rete;
  • sperimentazioni di interventi territoriali integrati nell’area 0-6 anni, per una continuità di azione;
  • verifica con il Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione dello stato di avanzamento sulla proposta di anticipazione per la scelta del pediatra.